Home Arte Arte ∼ Notizie Gemar e Marco Lodola: un calendario che ridefinisce l’arte dei palloncini

Gemar e Marco Lodola: un calendario che ridefinisce l’arte dei palloncini

0 428
gemar calendario copertina

In un connubio creativo tra tradizione e innovazione, Gemar, la rinomata azienda italiana specializzata nella produzione di palloncini, si è unita alle forze artistiche dell’ artista Marco Lodola, per creare il calendario Gemar 2024.

Questo progetto unisce l’arte tradizionale con l’uso inaspettato del palloncino, trasformandolo in un mezzo espressivo dinamico.

La collezione del calendario, denominata “Lodola per Gemar”, presenta una serie di opere dove l’artista, noto per il suo stile neofuturista, integra i suoi lavori con cornici fatte interamente di palloncini colorati.

Questi non sono semplici decorazioni, ma elementi vitali che contribuiscono all’espressione artistica, trasformando ogni mese in un’esperienza visiva unica.

Con temi che variano dalla natura alla moda, le immagini del calendario esplorano diverse atmosfere, da un solare girasole a una foresta pluviale, fino a un cuore pulsante e una scacchiera vivace.

gemar calendario 2024

Le opere principali del calendario includono “Gente di Gemar”, “Il mondo Gemar” e “Dove vanno a finire gli orsetti”, tutte realizzate da Lodola.

La produzione del calendario è avvenuta a Lodolandia, il laboratorio creativo dell’artista a Pavia, dove il team di Gemar ha collaborato strettamente con lui, fondendo insieme l’arte dei palloncini e il suo stile distintivo.

Gloria Veta, Responsabile Brand e Vendite di Gemar, ha espresso il suo entusiasmo per questo progetto, sottolineando come esso rafforzi il legame della marca con il mondo dell’arte.

«Da sempre i palloncini Gemar vengono utilizzati in ogni tipo di contesto, ma mai come in questi ultimi anni il nostro “Lifting the Moment” si è allargato agli eventi, alla moda, all’intrattenimento e all’arte – spiega Gloria Veta, Responsabile Brand e Vendite – L’incontro con Marco è stato entusiasmante: condividiamo, infatti, la visione di un mondo illuminato pieno di gioia e colori.

Definito un artista neofuturista, i suoi colori, il suo stile e la sua energia positiva ci hanno spinto a creare una collaborazione in cui i palloncini Gemar brillano di una nuova luce, quella del maestro Lodola. Grazie alla nostra squadra di persone di talento ancora una volta abbiamo trasformato l’immaginazione in realtà. Il nostro nuovo concetto d’arte può essere riassunto totalmente nel motto “Lighting the moment”».

Marco Lodola ha condiviso il suo fascino per la versatilità dei palloncini, che si rivelano essere non solo oggetti ludici, ma anche potenti mezzi espressivi.

«L’incontro coi palloncini Gemar mi ha catturato immediatamente perché sono colorati, luminosi e pieni di energia suggestiva – afferma Marco Lodola – fanno parte della vita quotidiana, comunque, perché come tanti altri miei soggetti sono anche icone rappresentative di un mondo e di una vita che si immagina e soprattutto si desidera. In questo museo immaginario che mi ricorda Las Vegas le mie opere dialogano con i palloncini Gemar con rimandi visivi e di grande significato, momenti di luce catturati nello spazio».

marco lodola per gemar calendario

La storia di Gemar è altrettanto affascinante e risale al 1984, quando Angelo Rocca ha fondato la prima fabbrica di palloncini in Italia.

Da allora, l’azienda è cresciuta, trasformandosi da una piccola realtà artigianale a un leader globale nel settore, con un’enfasi sulla sostenibilità.

I palloncini Gemar, realizzati con caucciù naturale e materiali rinnovabili, sono un esempio dell’impegno dell’azienda verso pratiche di produzione rispettose dell’ambiente.

Marco Lodola, d’altra parte, è un artista che ha dato un contributo significativo al panorama artistico italiano con il suo stile neo-futurista.

La sua carriera è stata caratterizzata da collaborazioni con importanti marchi e artisti, oltre a numerose esposizioni in prestigiose sedi, come la Biennale di Venezia e la Triennale di Milano.

Il calendario Gemar 2024 si configura dunque come un progetto innovativo che sottolinea l’importanza della collaborazione artistica e dell’espressione creativa, andando oltre le tradizionali concezioni dell’arte e del design.

NO COMMENTS

Leave a Reply